Pec Norme legali - gbnet informatica realizzazione e gestione siti web genzano di roma

Vai ai contenuti

Menu principale:

Pec Norme legali

Servizi > Servizi web > Posta certificata

Questo e' possibile in quanto la posta certificata ha le seguenti caratteristiche:
il messaggio proviene da un gestore di posta certificato e da uno specifico indirizzo e-mail certificato;
il messaggio non può essere alterato durante la trasmissione;
consente la
privacy totale della comunicazione, avvenendo lo scambio dati in ambiente sicuro;
garantisce al mittente la certezza dell'avvenuto recapito delle e-mail alla casella di posta certificata destinataria, con la spedizione di una ricevuta di consegna, in modo analogo alla tradizionale raccomandata A/R (e con lo stesso valore legale). Inoltre la ricevuta di consegna contiene anche una copia del messaggio originale, cosa che la tradizionale AR cartacea non puo' fornire;
garantisce il destinatario da eventuali contestazioni in merito ad eventuali messaggi non ricevuti e dei quali il mittente sostiene l'avvenuto l'invio;
garantisce in modo inequivocabile l'attestazione della data di consegna e di ricezione del messaggio e conserva la traccia della comunicazione avvenuta fra mittente e destinatario.
Fra le caratteristiche salienti va notato che nel caso
in cui il mittente smarrisca le ricevute, la traccia informatica delle operazioni svolte venga conservata in base al Decreto per 30 mesi in un apposito registro informatico custodito dai gestori stessi: tale registro ha lo stesso valore giuridico delle ricevute.

Pubbliche amministrazioni
Fornendo un servizio di
alta qualità e sicurezza, a prezzi vantaggiosi, si rivolge a tutti coloro che devono inviare o ricevere messaggi in modo sicuro. Nel caso di Enti Pubblici o Pubbliche Amministrazioni, nell'invio dicomunicazioni ufficiali verso altri enti oppure verso i cittadini, convocazioni di Consigli, Assemblee, Giunte, gestione di gare di appalto.
Come dichiarato dalla “Direttiva per l'utilizzo della posta elettronica nelle pubbliche amministrazioni”, emanata il 27 novembre 2003 dal Ministro dell'Innovazione e le Tecnologie di concerto con il Ministro per la Funzione Pubblica.(G.U. 12 gennaio 2004, n. 8)

l'impiego della posta elettronica consente il processo di cambiamento culturale ed organizzativo delle Pubbliche Amministrazioni, abbandonando inutili ed onerosi formalismi.
L'art. 14 del testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa, consente l'utilizzo della Posta Elettronica come strumento sostitutivo o integrativo di quelli già in utilizzo. E dichiara pertanto necessario che le pubbliche amministrazioni provvedano a dotare tutti i dipendenti di una casella di posta elettronica ed ad attivare apposite caselle istituzionali affidate alla responsabilità delle strutture di competenza.
Il Comitato dei Ministri per la società dell'informazione ha approvato il finanziamento, a favore delle amministrazioni statali, del progetto denominato @P@,  che prevede la diffusione e l'utilizzo di strumenti telematici in sostituzione dei canali tradizionali di comunicazioni. Tale progetto, a cura del  Centro Nazionale per l'Informatica nelle Pubbliche Amministrazioni (CNIPA) prevede la realizzazione:

  • dell'indice della pubblica amministrazione (che individua gli indirizzi istituzionali della P.A.) e l'attribuzione delle corrispondenti caselle di      posta elettronica

  • dell'indirizzario elettronico dei singoli dipendenti ( ad uso esclusivamente interno alle P.A.)

  • di caselle di posta elettronica certificata

  • di specifici progetti delle pubbliche amministrazioni



Su
ccessivamente, il DECRETO LEGISLATIVO 7 marzo 2005, n,82 ha con più chiarezza stabilito che:
(art.47- Trasmissione dei documenti attraverso la posta elettronica tra le pubbliche amministrazioni)
"1.Le comunicazioni di documenti tra le pubbliche amministrazioni avvengono di norma mediante l'utilizzo della posta elettronica; esse sono valide ai fini del procedimento amministrativo una volta che ne sia verificata la provenienza.
2.Ai fini della verifica della provenienza le comunicazioni sono valide se:
a. sono sottoscritte con firma digitale o altro tipo di firma elettronica qualificata;
b. ovvero sono dotate di protocollo informatizzato;
c. ovvero e' comunque possibile accertarne altrimenti la provenienza, secondo quanto previsto dalla normativa vigente o dalle regole tecniche di cui all'articolo 71;
d. ovvero trasmesse attraverso sistemi di posta elettronica certificata di cui al decreto del Presidente della Repubblica  11 febbraio 2005, n. 68.
3.Entro ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore del presente codice le pubbliche amministrazioni centrali provvedono a:
a.  istituire almeno una casella di posta elettronica istituzionale ed una casella di posta elettronica certificata ai sensi del decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68, per ciascun registro di protocollo;
b. utilizzare la posta elettronica per le comunicazioni tra l'amministrazione ed i propri dipendenti, nel rispetto delle norme in materia di protezione dei dati personali e previa informativa agli interessati in merito al grado di riservatezza degli strumenti  utilizzati. "
Il DPR 11 febbraio 2005, n. 68  (G.U. 28 aprile 2005, n. 97)  disciplina le modalità di utilizzo della Posta Elettronica Certificata (PEC) nei rapporti con la PA e tra privati cittadini.
La Posta Elettronica Certificata è il servizio che arricchisce le comunicazioni via internet con gradi di affidabilità e sicurezza elevatissimi, fornendo al privato cittadino una accesso diretto e immediato con la PA.




 
 
Bookmark and Share
Torna ai contenuti | Torna al menu